Farmaci omeopatici pagati da tutti i contribuenti o solo da quelli che ci credono?

omeopatiaQuesto post forse sarebbe più adatto a Bioetica che a Progetto Galileo: non vuole
smentire una bufala o le castronerie scientifiche di un articolo. Ma parla di scienza e prende spunto da una notizia fresca di stampa, per cui ci cimentiamo lo stesso.

La notizia, potete leggerla qui, riguarda l’omeopatia e il fatto che probabilmente verrà uniformata, per quanto riguarda il sistema sanitario nazionale, alla medicina tradizionale.

La questione dell’omeopatia è, per usare un francesismo, un bel casino. Ci sarebbero moltissime cose da dire, dal punto di vista strettamente scientifico. A partire dai principi su cui si basa, l’adagio “similia similibus curantur” e la fantomatica “memoria dell’acqua“, che sono tutto tranne che scientifici (si veda, una volta per tutte, questo approfondito articolo di Luigi Garlaschelli).

Una ricerca pubblicata nel 2005 su The Lancet dimostrò che gli effetti dell’omeopatia sono gli stessi del placebo. Ma “giocare alle ricerche scientifiche” probabilmente non è una buona strategia visto che in letteratura sono presenti molti (troppi?) studi che pare riescano a dimostrare quasi “qualsiasi cosa” su basi puramente statistiche. Un passo meno vano sarebbe passare in rassegna quelle che potremmo chiamare “meta-analisi“, ovvero lavori che accorpano in maniera critica un certo numero di ricerche (e dunque hanno almeno il vantaggio di aumentare la significativià statistica). Quel che si ottiene è che la stragrande maggioranza di queste meta-analisi concludono dicendo che le ricerche sono homeopathy1mediamente “fatte coi piedi” (i lettori di Progetto Galileo sono abituati a questi termini tecnici) e in un paio di casi si faceva notare come ci fosse una lievissima preponderanza di risultati a favore dell’efficacia dell’omeopatia ma anche che, in media, le ricerche fatte peggio erano anche quelle più favorevoli all’omeopatia. Nel 2007 The Lancet pubblica un’ulteriore ricerca che effettua una revisione di cinque ampie revisioni degli studi condotti negli ultimi anni, e il suo giudizio è netto: non c’è evidenza di differenza col placebo.

Ma al di là del problema specifico (su cui Progetto Galileo, ci tiene a dirlo, ha comunque un’opinione estremamente negativa al di là di ogni ragionevole dubbio) lo spunto di riflessione che vorremmo sollevare è più di carattere etico e politico, seppur legato a temi scientifici. Perché in questo caso, a differenza dei “soliti” problemi di bioetica, non siamo (solo) di fronte a scelte individuali su come condurre la propria vita o a quali valori aderire. Siamo di fronte a una scelta che ha pesanti ripercussioni economiche sulla società, perché, lo capite bene, rimborsare le spese sanitarie omeopatiche può risultare una scelta a dir poco discutibile, se si sposa l’idea che non si tratti d’altro che di acqua fresca.

Il CICAP ha intervistato il presidente dell’Ordine dei Medici (l’intervista sarà pubblicata a breve, noi abbiamo una specie di anteprima grazie a Bea!) e la sua posizione è stata abbastanza chiara: curare vuol dire prendersi cura e ci si può prendere cura di una persona in vari modi; l’importante è che lo faccia una persona qualificata. Le varie cure alternative, cioè, devono essere prescritte da un medico iscritto all’albo (che si prende quindi la responsabilità delle sue azioni e deve far riferimento all’Ordine) e non dal santone di turno e se sono prescritte da un medico iscritto all’albo possono essere rimborsate.
La qual cosa, ne converrete, può far arrabbiare – e a noi di Progetto Galileo molto – perchè fa semplicemente riferimento ad una categoria “certificata” di persone, l’albo, e non ai princìpi (scientifici) a cui si ispirerebbe. Perchè si limita a parlare di “cure” in un senso troppo vago e generico rispetto a quelle che ci aspetteremmo da un medico. Perchè allora non pagare anche per i riti voodoo e le galline sgozzate? Anche lì non si conosce il principio, ma i pazienti jamaicani dicono che funziona.

E tuttavia, nonostante le nostre convinzioni, ci rendiamo conto che si tratta di un problema delicatissimo. E’ facile bandire le cure di Vanna Marchi (in quel caso in realtà c’era anche l’aggravante della truffa, che ovviamente non può confondersi con i problemi di cui stiamo discutendo qui) ma quando l’evidenza dell’efficacia è molto più dubbia? Quando c’è moltissima gente che vi si affida e dice di esserne soddisfatta? Il fatto che si decida che certe pratiche debbano essere esercitate solo da medici iscritti all’albo è ovviamente una scelta di “categoria” (perchè ci sono molti soldi in ballo e quindi i medici si tutelano), ma è anche una sorta di garazia per il paziente: se un medico iscritto all’albo mi prescrive qualcosa che mi danneggia io ho una struttura, l’albo, che in un certo senso mi tutela. Se lo fa il santone di turno sono totalmente scoperto.

Volendo, in conclusione, riportare la discussione su un piano più scientifico e nello spirito più malignamente stigmatizzante di Progetto Galileo, forse quel che ci saremmo aspettati è una presa di posizione più netta dalla stessa comunità dei medici, perchè una simile decisione non venga lasciata in mano ai politici (ci ricordiamo tutti cosa successe con Di Bella…).

Hronir, Clodivendro e Bea

41 Responses to “Farmaci omeopatici pagati da tutti i contribuenti o solo da quelli che ci credono?”


  1. 1 fabristol aprile 3, 2009 alle 1:11 pm

    Alla fine molte medicine alternative vengono accettate anche grazie alla massa critica dei loro praticanti. Se Wanna Marchi fosse riuscita a crearsi una comunita’ fedele e dei medici compiacenti a quest’ora qualcuno avanzerebbe l’ipotesi di affiancarla alla medicina tradizionale.

  2. 2 hronir aprile 3, 2009 alle 2:04 pm

    Sì, il limite a volte può diventare davvero molto sottile…

  3. 3 cachorroquente aprile 5, 2009 alle 12:42 pm

    Che incazzatura. Ovvio che l’Ordine ha una posizione soft: tantissimi medici di base (la spina dorsale della professione) sono mezzi omeopati.

    Nessuno nega il diritto di un medico di prescrivere preparati omeopatici o fitoterapici, ma il fatto che vengano rimborsati è un’incredibile assurdità.
    A seguito di varie riforme nel corso degli anni ’90 (introduzione delle note AIFA nel 1993 e poi la legge Bindi) la spesa per i farmaci è sostenuta dal SSN solo quando c’è un’indicazione scientificamente solida.
    Se un medico vuole utilizzare un principio attivo non ufficialmente indicato per una certa patologia (farmaci “off label”) deve giustificare questa decisione con adeguata documentazione.

    E ora invece un intera classe di farmaci che ha al meglio un’evidenza anedottica di funzionamento e che si fonda su principi totalmente indimostrati e in contraddizione con tutto ciò che sappiamo della biologia e della fisiopatologia otterrebbe una sorta di indulgenza plenaria, giustificata solo dalla loro popolarità?
    Ma scusa allora perchè non rimborsare anche i cicli di psicanalisi junghiana o i corsi di meditazione trascendentale, roba che comunque ha una dignità culturale enorme rispetto all’omeopatia?

  4. 4 anti-moderno aprile 5, 2009 alle 8:49 pm

    Io credo che lo stato non debba rimborsare niente a nessuno. Nè allopatici, nè omeopatia, nè niente. Il punto a cui siamo arrivati è chiaro: o dentro tutti, o niente. Allora perchè non rimborsa l’ayurveda o i preparati erboristici?. Visto che la coa più importante per quanto riguarda la salute, è che il singolo diventi il più responsabile possibile, non si dovrebbe dare niente a nessuno. Che se la veda lui. Si assicura e poi fa quello che vuole. Sarebbe anche un bel modo per bloccare questo atteggiamento assistenziaistico, da squallido mendicante, che fa di un uomo un verme.

  5. 5 hronir aprile 6, 2009 alle 5:34 am

    Bella domanda, anti-moderno: le assicurazioni private rimborsano tutto? Sicuramente non tutto (non il voodoo, per dire). Probabilmente ci saranno delle clausole ben specifiche e se si pretende di aver rimborsate anche le cure omeopatiche si paghera’ un premio (ben) piu’ alto…

  6. 6 anti-moderno aprile 6, 2009 alle 6:10 am

    hronir, se la vedranno tra di loro. Questi sono dettagli. Io penso che sarebbe già un avanzamento epocale se passasse il concetto: “tu sei l’artefice della tua salute e della tua malattia”. Ogni assistenzialismo statale in merito è sbagliato, soprattutto perchè chi gode veramente sono le case farmaceutiche. Scommetto che anche dietro a questa storia dell’omeopatia ci sono le varie ditte produttrici che gongolano…. Magari si potrebbe studiare delle deroghe per chi ha degli incidenti sul lavoro, o in auto, ma lo stato non può e non deve pagare se hai la cistite o il cancro. Le malattie non sono nient’altro che l’indice di uno stile di vita sbagliato. Quindi si risolvono cambiando stile di vita, non imbottendosi di farmaci allopatici o omeopatici che siano.

  7. 7 persepolis aprile 6, 2009 alle 8:34 am

    spero che tu sia solo molto giovane e inesperto, sono certa che se avessi un tuo caro malato di cancro non la penseresti cosi’.

  8. 8 anti-moderno aprile 6, 2009 alle 9:24 am

    Eccone uno che invece di riflettere butta lì una sentenza con tutta la forza dei suoi sentimenti (ma che te fai dei sentimenti, ti aiutano a risolvere i problemi?)….forza demente, ragiona…di chi è la colpa che un tizio ha il cancro? Chi può averlo condotto in quello stato?

  9. 9 Cachorro Quente aprile 6, 2009 alle 11:42 am

    Anti-moderno vorrei risponderti ma non so neanche da dove cominciare… comunque se vai da un signore di 40 anni astemio non fumatore che fa ogni giorno mezzoretta di corsa leggera, e si è beccato il cancro al pancreas, a dirgli che non deve fare la chemio ma cambiare lo stile di vita, giuro che ti offro una cena di pesce in un ristorante a tua scelta.

    Assicurazione privata o assicurazione sociale cambia poco: i farmaci verranno rimborsati in base a uno straccio di evidenza scientifica. Una sanità socializzata vecchio stile come quella italiana prima delle riforme degli anni ’90 poteva passare anche la cura DiBella ma non è più il caso, mi pare.

    E tra l’altro il cocktail di DiBella aveva un minimo di efficacia a differenza dell’omeopatia.

  10. 10 anti-moderno aprile 6, 2009 alle 12:39 pm

    Cacho,
    lo so, non è facile da dire alla gente. La gente pensa che se non fuma e fa la corsetta gli basta. Non è così. Ci sono i grassi, gli zuccheri, l’eccesso di proteine, gli inquinanti, i conservanti, le tendenze costituzionali, ecc.
    In ogni caso chiedo: è possibile che la società si accolli spese per decine, centinaia di migliaia di euro per ogni paziente? Riusciamo o no a vedere che questa strada conduce a un vicolo cieco? Riusciamo a vedere che l’enorme meccanizzazione e tecnicizzazione della sanità non porta da nessuna parte? Riusciamo a vedere che abbiamo intrapreso una strada sbagliata? Se ci riusciamo, potrebbe anche venirci voglia di cambiare….

  11. 11 Cachorro Quente aprile 6, 2009 alle 1:58 pm

    Il cancro è un’alterazione dei meccanismi di replicazione cellulare dovuto a mutazioni sovrapposte. E’ un evento stocastico che aumenta di probabilità per fattori genetici o ambientali, ma può capitare a tutti. Che poi gli europei abbiano più cancro al colon perchè mangiano poche fibre, i giapponesi più cancro allo stomaco perchè boh e gli iraniani più cancro all’esofago perchè bevono tè bollente è un discorso, ma è tutta questione di statistica. Se poi si parla di “inquinanti e conservanti” dove sta la responsabilità individuale?

    Sul discorso della società che si accolla centinaia di migliaia di euro per ogni paziente: è un discorso assurdo. Un sistema assicurativo privato potrebbe essere più efficiente (quello USA non lo è, ma è anche vero che è un sistema misto e molto burocratizzato), ma il discorso rimane sempre lo stesso: se ti assicuri ti accolli anche i costi del prossimo e delle loro abitudini insane. Come cantava Sting: “We share the same biology, regardless of ideology”, come dire che tutti ci ammaliamo, tutti invecchiamo (tranne chi muore giovane, si intende), tutti avremo necessità di un’assistenza medica.

    Poi è vero che viviamo in una società medicalizzata in maniera assurda, ma questo è un altro discorso.

  12. 12 persepolis aprile 6, 2009 alle 2:22 pm

    @antimoderno:
    Tra le cause del cancro ci sono anche esposizione a sostanze chimiche presenti nell’ambiente, radiazioni, virus , inoltre ci sono predisposizioni genetiche che possono facilitarne lo sviluppo. Certo puoi ridurre il rischio mantenendo una vita attiva e un’alimentazione sana (ci eravamo già arrivati tutti) ma ciò non esclude la possibilità che ci si possa incappare. E ora non mi dilungo più, perchè mi sembra proprio che tu faccia discorsi insostenibili e mi sembra anche che sia del tutto inutile parlare con te, mi spiace, ciao!

  13. 13 anti-moderno aprile 6, 2009 alle 3:44 pm

    Bene, allora continuiamo a fare la chemio…

  14. 14 sagredo aprile 6, 2009 alle 3:55 pm

    a) Non devono neanche dimostrare che non ha effetti collaterali….
    b) se e’ una diluizione infinita di un principio, ci sara’ sempre qualcuno che la produrra’ come “farmaco generico” ad un prezzo molto ma molto basso.
    c) alla fine, Charles Darwin ha sempre ragione: vogliono curarsi con l’omeopatia? si accomodino.

  15. 15 hronir aprile 6, 2009 alle 4:48 pm

    Eh, sagredo, magari fosse vero il punto c)!

    In realtà quelli che vogliono curarsi con l’omeopatia si curano *anche* con l’omeopatia. Per cui non hanno alcuno svantaggio evolutivo diretto, e provocano solo effetti a cascata che si riversano sugli altri (quando sei in preda ad una malattia, vuoi provarle tutto, sei in preda ad ogni possibile speranza, etc etc, e se questi ti sbandierano anche queste cose, tu spesso non hai il coraggio di non provarle… e loro marciano sulla tua condizione di debolezza).

    E’ un po’ come le scuole private, che ci vanno i ricconi ma poi le dobbiamo anche pagare noi con le sovvenzioni statali.

  16. 16 Enrico aprile 7, 2009 alle 9:41 pm

    Anti-moderno è un troll, evitate di cibarlo.

  17. 17 marco aprile 18, 2009 alle 10:15 pm

    scusate, ma il fatto che l’articolo fosse datato “1 aprile”, e ora non è nemmeno visibile. è una coincidenza ?

    e poi visti gli argomenti non era meglio “progetto darwin” come nome ?🙂

  18. 18 hronir aprile 20, 2009 alle 7:58 am

    Io continuo a vederlo, l’articolo.
    Tanto la copia citata nel post, quanto una versione meglio formattata e corredata di commenti. E ho trovato altri riferimenti alla notizia, non sembra essere uno scherzo.

    Ad ogni modo, a parte lo spunto che ne abbiamo preso per le riflessioni generali di questo post, mi rendo conto meglio ora che la notizia “l’omeopatia verrà uniformata alla medicina tradizionale”, propriamente, sembra vada intesa nel senso che sono state avviate delle procedure di controllo sui medicinali omeopatici. Che potrebbero, sì, portarle ad essere rimborsate dal SSN, ma, sembra, a patto di superare, appunto, questi controlli. I quali, si dice, non sono solo di “non nocività”, ma anche, giustamente, di “efficacia”. Certo, poi bisogna vedere come vengono effettuati questi controlli, ma effettivamente non tutte le speranze sembrano perdute…

  19. 19 marco aprile 21, 2009 alle 3:52 pm

    se le professionalità coinvolte continueranno a fare dei test senza avere assolutamente idea di cosa sia la statistica non ci sono speranze.

    da notare che per molti di loro è solo ignoranza abissale, tanto che spesso non hanno nemmeno avuto bisogno di taroccare i risultati. si fermavano molto prima, come il caso di chi da un campione di 20,000 ne tirava fuori con la bacchetta magica 5 che analizzava nel dettaglio, o di chi si dava a becere speculazioni sull’esistenza ( assunta, ovviamente ) di una sorta di macro-entanglement che ha capito solo lui.

  20. 20 br settembre 13, 2009 alle 10:00 pm

    Ognuno la può pensare come crede, ma se il SSN ci fa curare da medici che non sono all’altezza e ci fanno anche morire e per di più li paghiamo con le nostre tasse perchè non dovrebbero essere convenzionate anche le cure omeopatiche come in inghilterra che ha addirittura un ospedale!!, siamo o no… ancora in democrazia??
    leggete:

    http://www.omeomed.net/news_full.php?fn_mode=fullnews&fn_incl=0&fn_id=131

  21. 21 susi settembre 18, 2009 alle 10:54 am

    @antimoderno
    un po’ arrogantino, non sarà mica solo una questione di responsabilità e colpa no?
    per conto mio la sfiga è potentissima, noialtri siamo dettagli le nostre scelte bazzecole…
    continuiamo a tirare a campare… con la chemio o con le tisane a base di aloe… a caso!
    spero tu stia sempre bene, altrimenti sono certo rivedrai le tue posizioni così fastidiosamente manicheiste.

  22. 22 susi settembre 18, 2009 alle 10:56 am

    @enrico
    mannaggia hai ragione, se solo avessi letto anche il tuo commento prima di buttarmi a rispondergli avrei risparmiato tempo!
    ciao.v.

  23. 23 coconut oil acne aprile 20, 2013 alle 12:13 pm

    There is this misconception that “fats” are bad, and we should
    reduce our fat intake because it will lead us down a path of gaining weight and or potentially becoming fat.
    The basis for these liquid soap recipes is all natural bar
    soap. Knowing how your skin reacts is a good preventative measure.

  24. 24 China maggio 3, 2013 alle 5:22 am

    The whole event and want to use personalised wine bottles
    at a special function from a wedding or any special day such as
    a token of thanks. bribryWe support Chris Brown is trending worldwide.

  25. 25 natural remedies luglio 10, 2013 alle 2:13 pm

    My family members every time say that I am wasting my
    time here at net, however I know I am getting familiarity daily by reading thes good articles or reviews.

  26. 26 Diet Pills luglio 16, 2013 alle 6:50 am

    I think the admin of this web page is in fact working hard in support of his site, for the reason that here every data is
    quality based material.

  27. 27 garcinia cambogia fruit luglio 17, 2013 alle 4:54 am

    Hi to all, how is everything, I think every one is getting more from this site,
    and your views are good in support of new
    visitors.

  28. 28 premium funding luglio 19, 2013 alle 5:27 am

    Hello, just wanted to say, I enjoyed this post.

    It was helpful. Keep on posting!


  1. 1 Come NON si scrive una pubblicazione scientifica « Progetto Galileo Trackback su aprile 8, 2009 alle 12:46 pm
  2. 2 Top Pizza In Johnson City Trackback su maggio 22, 2014 alle 3:49 pm
  3. 3 gaining extra weight Trackback su agosto 10, 2014 alle 4:48 pm
  4. 4 garcinia wow amazing Trackback su agosto 13, 2014 alle 9:58 pm
  5. 5 amazing garcinia review Trackback su agosto 18, 2014 alle 2:36 am
  6. 6 garcinia mangostana Trackback su settembre 25, 2014 alle 3:28 pm
  7. 7 garcinia 360 area code phone number Trackback su ottobre 2, 2014 alle 4:16 pm
  8. 8 Marz Sprays C Spray Vitamins Trackback su novembre 17, 2014 alle 3:29 am
  9. 9 Absolute Derma Trackback su marzo 14, 2015 alle 2:04 am
  10. 10 Order Pure Youth Anti Aging Trackback su marzo 21, 2015 alle 9:27 am
  11. 11 sisley skin care Trackback su marzo 24, 2015 alle 12:58 pm
  12. 12 dermaktiveam.com Trackback su marzo 27, 2015 alle 12:46 am
  13. 13 Moneylenders-sg Trackback su giugno 19, 2015 alle 2:53 am

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




In primo piano

Segnalaci le bufale

a

Archivi

Contatto e-mail

progettogalileo[at]gmail.com

Disclaimer

Questo è un blog multiautore senza scopi di lucro. Esso non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 Gli autori, inoltre, dichiarano di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli autori. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Blog Stats

  • 344,525 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: