Einstein e le api, ancora

Un breve post per segnalare un articolo comparso su Repubblica.it quest’oggi e che si ricollega a quello detto mesi fa su Progetto Galileo.

Per prima cosa notiamo che la frase attribuita ad Einstein continua a venir ripetuta e clonata, quando invece sappiamo essere un falso, inventata nel 1994 dagli apicoltori francesi. Secondo, l’articolo non riporta alcun dato (a parte generiche percentuali), ne’ nomi o fonti su cui fare riferimento. Si parla di un generico “ritorno delle api in California” ma non viene inserita alcuna fonte. Insomma dobbiamo fidarci di quello che ci viene detto da un articolo a firma anonima, come al solito. Su Google alla fine troviamo la fonte (forse) con piu’ dettagli. Si tratta di un articolo dell’Economist, dove ci vengono fornite fonti e nomi e ipotesi sulle cause.

Comunque a parte la mediocrita’ dell’articolo di Repubblica.it, forse e’ un po’ presto per cantare vittoria. Il fenomeno di moria delle api e’ complesso e in parte sconosciuto. Ricordiamo anche che da poco e’ stato dimostrato che i neonicotinoidi uccidono le api in pochi minuti anche solo suggendo gocce d’acqua trovate nelle foglie di mais trattato con neonicotinoidi.

Ovviamente le teorie sulle scie chimiche, gli OGM, i telefonini e gli alieni le lasciamo ai complottisti.

UPDATE.

Anche il Corriere.it e il Giornale riportano la frase falsa di Einstein.

9 Responses to “Einstein e le api, ancora”


  1. 1 Vaaal marzo 10, 2009 alle 10:04 am

    che tra parentesi è diventato einstain

  2. 2 fabristol marzo 10, 2009 alle 11:34 am

    La prossima volta lo scriveranno tutto come si pronuncia: Ainstain.😀

  3. 3 Aleks marzo 10, 2009 alle 12:22 pm

    Anche il Giornale usa esattamente le stesse parole. Penso che abbiano tutti copiato da qualche lancio d’agenzia (il corriere cita AGI e ANSA).

    Tra l’altro solo tre giorni prima la redazione di Repubblica aveva pubblicato un articolo degno di tal nome sullo stesso argomento: http://ocasapiens.blog.dweb.repubblica.it/2009/03/06/1116/

  4. 4 fabristol marzo 10, 2009 alle 12:53 pm

    Per Aleks

    grazie per le segnalazioni. Aggiungo al post.

  5. 5 l'oca s. marzo 10, 2009 alle 1:14 pm

    Concordo sul “fenomeno complesso”. E grazie della segnalazione Aleks, ma un blog personale non ha mai fermato una bufala, le mie approfondite ricerche sulla pseudocitazione di Einstein non è servita e i giornali travisano lo stesso l’Economist.
    Uffa, tutto lavoro sprecato, da domani mi do al tombolo.

  6. 7 Stefano marzo 12, 2009 alle 9:43 am

    Povero Einstein, tirato per la giacchetta.


  1. 1 Il dilettantismo dell’informazione professionale: Einstein, le api e la fine del mondo | AleksFalcone.Org Trackback su marzo 10, 2009 alle 2:05 pm
  2. 2 aloe vera Trackback su agosto 15, 2014 alle 8:48 am

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




In primo piano

Segnalaci le bufale

a

Archivi

Contatto e-mail

progettogalileo[at]gmail.com

Disclaimer

Questo è un blog multiautore senza scopi di lucro. Esso non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 Gli autori, inoltre, dichiarano di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli autori. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Blog Stats

  • 344,525 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: