308018530_f764ddcfc0.jpg
FABRISTOL
Nato a Cagliari, sardo non praticante, fin da bambino e’ travolto da una insana passione per la Scienza e per i calzini bianchi di Piero Angela.
Alle superiori viene sbattuto fuori dalla classe all’ora di matematica perche’ disturbava la lezione con battutine divertenti (ma il prof non lo ammetterà mai). In quelle tre ore seduto in una sedia nel corridoio viene fulminato sulla via di Damasco, ovvero nella biblioteca della scuola, dove prende in prestito l’Origine della Specie di Charles Darwin. E’ amore a prima vista.
In poco tempo diventa un paladino del metodo scientifico e dell’evoluzionismo di cui diventerà grande esperto, al contrario della matematica di cui non saprà una mazza.
Uscito dalla prigione chiamata scuola, incomincia la brillante (?) carriera accademica laureandosi in Biologia Sperimentale. Continua imperterrito iscrivendosi in una laurea specialistica in Neuropsicobiologia. Non stanco di tutto cio’ si fa sette mesi di Erasmus al Karolinska Institutet di Stoccolma, Svezia.
E qui si apre un altro capitolo della sua storia: la passione per il viaggio e il divorzio non consenziente con l’Italia.
Al ritorno incontra la donna della sua vita (le svedesi non erano abbastanza per lui e si e’ preso una sarda) che avra’ la fortuna (o sfiga immensa) di accompagnarlo nella sua vita all’estero.
Vince un Ph.D. (dottorato) all’Università di Bristol in Inghilterra e studia il ruolo dei modulatori allosterici positivi del neurorecettore alfa7 nicotinico per lo sviluppo e caratterizzazione di farmaci contro l’Alzheimer. Cosa complicatissima e assolutamente da Nobel Prize che e’ sicuro di vincere nel giro di pochi anni.
Nel frattempo, parallela alla passione per la Scienza, sviluppa un morboso bisogno di lettura, scrittura, informazione e politica.
CAPEMASTER
Capisce tardi che la scienza, ed in particolare la biologia, è la sua vita. Dopo la laurea in Agraria (Produzioni Animali) realizza che la ricerca è la sua strada e tenta la carta Dottorato: disinteressato del regno oggetto di studio ottiene una borsa per Biologia Vegetale e Biotecnologie Agro-Ambientali. Quello che lo interessa è il DNA (in particolare l’RNA) in tutte le sue manifestazioni.
Comincia quindi a produrre piante transgeniche (diventando il Bad Guy della compagnia di amici) ed a studiare i problemi meiotici di un mutante femminile (eh???).
Non lascia gli animali, in particolare i cavalli, per studiare geni coinvolti nello stress da esercizio. Meglio che farci bistecche, si dice convinto.
Attualmente è impegnato su più fronti di ricerca, cosa che lo fa spesso litigare con la famiglia.
Medita di andare presto all’estero, magari a Bristol con l’altro compagno di merende del blog, per regalargli una tastiera italiana (ha passato gli ultimi minuti a correggere le accentate del dottorando espatriato).
JINZO
Prototipo sperimentale sviluppato negli anni ’30 dalla scienza del Reich nel tentativo di creare un modello eugenetico perfetto, evade dal bunker all’età di 12 anni e collabora con le forze alleate per sabotare il regime nazista. Durante la Guerra Fredda fa perdere le sue tracce, sebbene archivi segreti dell’URSS documentino un suo coinvolgimento nell’organizzazione della rivoluzione antibolscevica. Alcuni esperti di occultismo sembrano averlo identificato a colloquio con la quindicesima reincarnazione di Rasputin, nel tentativo di distoglierlo dal risvegliare Chtulhu. Negli anni ’80, oppresso dalle persecuzioni della Stasi in Germania orientale, si rifugia in Italia, dove assume l’aspetto di un comune studente, maturando una laurea in Biotecnologie con tesi in parassitologia molecolare inerente un possibile progetto di creazione di zanzare transgeniche. Tuttavia, al giorno d’oggi, sembra essersi spostato nel campo delle neuroscienze. C’è chi giura di averlo visto armeggiare nel cuore di Roma con delle scimmie del Mondo Nuovo, che sottopone ogni giorno a test psicologici, al fine di tracciare un modello comparativo del ragionamento astratto con particolare riferimento alle strutture neurali sottese alle proprietà del pensiero superiore.
SEGUSO
RASER
CARLETTO DARWIN
FERRIGNO
CHIARA LALLI

18 Responses to “Gli autori”


  1. 1 Vincenzo febbraio 15, 2008 alle 2:01 pm

    Bel CV ! li dovrebbero scrivere tutti così!!

  2. 2 fabristol febbraio 16, 2008 alle 12:23 am

    “magari a Bristol con l’altro compagno di merende del blog, per regalargli una tastiera italiana (ha passato gli ultimi minuti a correggere le accentate del dottorando espatriato).”

    ah ah ahhah grazie amico mio.
    Sì è un disastro ogni volta quando scrivo dall’ufficio. Pensa quando usavo la tastiera svedese allora…😉

  3. 4 Yoshi febbraio 16, 2008 alle 1:06 pm

    mi vien voglia di iniziare un corso di laurea in ambito scientifico solo per poi poter scrivere un cv come questi🙂

  4. 5 Gianni febbraio 23, 2008 alle 5:10 pm

    come vi capisco per la tastiera, sono in Francia dove mancano alcune vocali accentate, i numeri (caso unico al mondo) sono “in alto” e per scriverli bisogna fare la maiuscola e il peggio è che hanno le lettere spostate (AZERTY per fare un ssempio). Per fortuna ho il portatile rigorosamente italiano e il prossimo lo acquisterò sempre in Italia…

  5. 6 Marta marzo 5, 2008 alle 3:16 pm

    Ferri’, ma pure qua stai?
    ahahahahah

  6. 7 Andrea Ferrigno marzo 5, 2008 alle 4:40 pm

    Marta, altro che sfottere, una scienziata de fero come te dovrebbe partecipare!

  7. 8 guana marzo 11, 2008 alle 2:51 pm

    ciao ragazzi, davvero forte il vostro blog…complimenti continuate cosi!

  8. 9 fabristol marzo 11, 2008 alle 3:10 pm

    Per Guana

    grazie mille!😉

  9. 10 Asended marzo 23, 2008 alle 11:41 pm

    Stupendo progetto! Vi seguo.

    P.s. Capemaster, non pensare che mi sia dimenticato di te…

  10. 11 Zagabart maggio 27, 2008 alle 12:39 pm

    Vi voglio bene!!!!

  11. 12 Claudia dicembre 8, 2008 alle 1:09 am

    Che CV meravigliosi!:D Spero, da giovane studentessa di biologia, di poterne scrivere uno altrettanto ricco e divertente, un giorno. Soprattutto con una bella esperienza in Svezia come in quello di Fabristol, Paese che mi attira come un magnete.

  12. 13 aliceinbrandland maggio 21, 2009 alle 8:21 am

    bello, mi piace…soprattutto al punto in cui tutti sentono “la propria strada”. sensazione corroborante.
    saluti. Lilit

  13. 14 gianni giugno 29, 2009 alle 9:47 am

    voi siete ubriachi come quel lavativo di darwin…io ho fatto la terza media…ma voi menti superiori,scienziati…non avete spiegato ancora un emerito cazzo di niente…voi sapete come risolvete le cose??????? il caso il caso…i quanti? ve lo hanno infilato su per il culo… bla bla bla

  14. 15 fabristol giugno 29, 2009 alle 11:15 am

    Grazie Gianni. Il tuo punto di vista è molto interessante e terremo in mente di sicuro le tue considerazioni.
    grazie ancora
    saluti

  15. 16 park maggio 3, 2013 alle 5:23 am

    Practice economy of language. 39 minutes ago via TweetDeck Reply Retweet Favorite powered by socialditto ChrisRReganChris
    ReganSarah Palin on Today show.


  1. 1 marcoleli.it » Blog Archive » Progetto Galileo Trackback su marzo 5, 2008 alle 10:00 pm
  2. 2 vince delmonte fitness blog Trackback su settembre 7, 2014 alle 11:52 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




In primo piano

Segnalaci le bufale

a

Archivi

Contatto e-mail

progettogalileo[at]gmail.com

Disclaimer

Questo è un blog multiautore senza scopi di lucro. Esso non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 Gli autori, inoltre, dichiarano di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli autori. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Blog Stats

  • 344,525 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: