Piano con le parole

Se esiste un modo per vanificare anni di divulgazione scientifica e di ricerca e’ quello di utilizzare parole sbagliate o fuorvianti o addirittura allarmistiche nei giornali e nei media in generale. L’abbiamo visto piu’ volte anche in questo blog. Per esempio titolare su Liberazione un buon articolo (con alcuni distinguo) con un “Il fegato delle scimmie e i nuovi Frankestein”.

Mostri, chimere, apocalissi e come in questo caso Frankesteins bypassano la parte razionale del cervello e arrivano direttamente a stuzzicare le aree delle nostre paure ancestrali. Anche le parole fanno male.

Per quanti problemi possano creare gli xenotrapianti (rigetto, malattie ecc) definire chi e’ stato trapiantato come un moderno Frankestein non e’ corretto e neppure tanto carino, visto che queste persone rischiano la vita ogni giorno. La parola “Frankestein” ormai ha assunto dei connotati dispregiativi tra le associazioni antiscientifiche e spesso ecologiste e viene usata a sproposito per qualsiasi tecnica in cui sono coinvolti materiali biologici di diversi individui o specie. Queste persone spesso non sono al corrente che xenotrapianti, transfezioni geniche, chimere sono all’ordine del giorno da anni. Basti pensare a quei piccoli frankestein che 20 anni orsono creammo modificando i geni dell’Escherichia Coli, inserendo il gene dell’insulina umana. Ogni individuo poi ha un codice genetico unico, ma che e’ il frutto dell’apporto di altri due codici genetici unici ma diversi, cioe’ i genitori.

Per non parlare poi della nostra storia evolutiva durante la quale probabilmente nei nostro codice genetico furono inseriti geni di altre specie tramite retrovirus o trasposoni. Anzi alcuni pensano che queste contaminazioni siano state fondamentali per molti passaggi evolutivi delle specie sulla Terra.

Siamo tutti chimere insomma.

La ramanzina finale su gli scienziati che giocano a fare Dio e’ poi semplicemente fuori luogo, inflazionata e ridicola, soprattutto nel caso di tecniche che possono salvare vite umane.

(nella foto uno scienziato-dio e la sua creazione chimerica)

2 Responses to “Piano con le parole”


  1. 1 ukitel luglio 10, 2008 alle 9:42 am

    Vorrei fare una obiezione…
    Il fatto che nel nostro codice genetico siano presenti geni provenienti da trasferimento orizzontale non ci rende chimere. Al massimo ci rende ricombinanti, o transgenici.
    La chimera è qualcosa di totalmente diverso: è un organismo composto di 2 popolazioni cellulari distinte; non un genoma con qualcosa di un’altra specie dentro, ma 2 genomi (diploidi e diversi) di una stessa specie, in cellule diverse, nello stesso organismo.
    Un uomo con un trapianto di sangue o di organo è una chimera (in senso lato, ovviamente, perché quelle da laboratorio sono miscugli più o meno omogenei).
    E chimere “spontanee” si sono osservate in cavie da laboratorio: iniziali gemelli eterozigoti che poi si sono fusi.

    Quindi non siamo tutti chimere… Al massimo siamo transgenici.
    Da questo ovviamente non consegue affatto una condanna degli xenotrapianti, credo solo che l’argomentazione sia sbagliata.


  1. 1 Weissbach » Litmus Trackback su giugno 19, 2008 alle 3:17 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




In primo piano

Segnalaci le bufale

a

Archivi

Contatto e-mail

progettogalileo[at]gmail.com

Disclaimer

Questo è un blog multiautore senza scopi di lucro. Esso non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 Gli autori, inoltre, dichiarano di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli autori. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Blog Stats

  • 344,525 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: