Missione Phoenix, Marte

Domenica scorsa, 25 Maggio, la sonda Phoenix Mars Lander è atterrata regolarmente sul Pianeta Rosso in una regione pianeggiante vicino al polo nord. Dopo alcuni clamorosi fallimenti di sonde che si sono schiantate all’atterraggio- ma anche lo strepitoso successo dei veicoli Spirit ed Opportunity, questa nuova missione iniziata sotto i migliori auspici potrebbe portare grandi novità.

Altre missioni di ricognizione, in particolare Odissey, hanno rilevato la presenza di ghiaccio d’acqua a bassa profondità nel terreno intorno alle calotte plari di Marte, un po’ come il permafrost terrestre. Sempre in analogia con quanto accade in altri ambienti estremi sulla Terra, si ritiene che semplici organismi possano vivere nello strato di terreno vicino al permafrost marziano.

Il modulo d’atterraggio Phoenix ha due obbiettivi principali: raccogliere dati meteorologici nella regione artica di Marte – dove nessun’altro veicolo è arrivato prima d’ora – che aiutino a chiarire il clima presente e passato. Secondo, la sonda è dotata di un piccolo braccio escavatore ed un laboratorio d’analisi automatizzato per raccogliere ed esaminare campioni di terreno.

Lo scopo di queste analisi non è propriamente di ricercare forme di vita, ma piuttosto di valutare se la composizione chimica del suolo lo rende abitabile o meno: verranno misurate le quantità degli elementi necessari alla vita come carbonio, azoto, fosforo ed idrogeno; verrà fatta anche una ricerca di coppie redox propizie alla vita e misure di altre proprietà come pH e salinità. La sonda è in grado di scavare abbastanza in profondità per raggiungere uno strato di terreno protetto dall’azione dei raggi ultravioletti, i quali distruggono le molecole organiche attraverso la formazione di specie fortemente ossidanti.

Il sito della NASA mette a disposizione anche la descrizione completa del veicolo e della strumentazione, e pure la galleria delle immagini trasmesse a terra.

Nelle immagini tratte dal sito della NASA (dall’alto verso il basso): la sonda Phoenix in una rappresentazione al computer; Il “piede” della sonda fotografato dalla sonda stessa con sullo sfondo la sabbia rossa di Marte; ed infine la straordinaria immagine della sonda che atterra col suo paracadute fotografata dal Mars Reconnaissance Orbiter, un satellite che orbita intorno a Marte.

Fabster

.

3 Responses to “Missione Phoenix, Marte”


  1. 1 vitaliano82 maggio 29, 2008 alle 4:58 pm

    mi dispiace per la vergognosa censura che avete fatto della notizia del ritrovamento di un complesso di case marziane con annessa piscina.

  2. 2 fabristol maggio 29, 2008 alle 5:02 pm

    Quella e’ la nuova villa certosa di Berlusca su Marte…

  3. 3 fabster2 maggio 30, 2008 alle 10:12 pm

    C’erano pure le Rettiliane in topless, è per questo che ai comuni umani non è stato permesso di vedere le foto.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




In primo piano

Segnalaci le bufale

a

Archivi

Contatto e-mail

progettogalileo[at]gmail.com

Disclaimer

Questo è un blog multiautore senza scopi di lucro. Esso non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 Gli autori, inoltre, dichiarano di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli autori. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Blog Stats

  • 344,525 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: