(Bad) fiction in science

Gabriella Carlucci:

Se Maiani e i suoi amici sono, come Lei dice, luminari stellari stimatissimi in tutto il mondo, perché non hanno mai vinto il premio Nobel ? Eppure la Fisica della Particella italiana (e, in particolare, quella romana) è in percentuale e in valore assoluto fra le meglio finanziate al mondo.

Sheldon Lee Glashow:

It is true that several Italian theorists (including Maiani) are deserving of Nobel Prizes, but there are far more such candidates than Prizes. Recall that world-renowned physics luminaries such as Edward Witten, Stephen Hawking, Yoichiro Nambu, among many others, are not Nobel Laurestes.
Whether (or not) Italian physicists have won Nobel Prizes, and whether (or not) they are well funded, they have made exceptional contributions to physics, at least as many as any other European nation.
Italy should be very proud of its many scientific heroes, and not malign them.

(Di quale colpa ci siamo macchiati per meritare questo? Ah, se avessimo abbracciato il disegno intelligente…).

Chiara Lalli

16 Responses to “(Bad) <i>fiction</i> in science”


  1. 1 fabristol febbraio 27, 2008 alle 11:48 am

    Ooohh finalmente ne parliamo!😉
    Io direi ragazzi di scrivere un bel po’ di commenti sul blog della Carlucci, sopratuttto di chi, fra noi, si occupa di fisica:

    http://www.gabriellacarlucci.it/2008/02/20/risposta-a-glashow/

  2. 2 paolo febbraio 27, 2008 alle 2:57 pm

    Ma se è tanto brava, come mai la Carlucci un Telegatto non l’ha mai vinto?

  3. 3 j1nz0 febbraio 27, 2008 alle 3:11 pm

    Altrimenti avrebbero tirato fuori il conflitto di interesse.

  4. 4 Chiara Lalli febbraio 27, 2008 alle 3:23 pm

    Non siate malevoli!
    Gabriella Carlucci ha un cv invidiabile.
    Il passaggio migliore è il seguente:

    (1) Nel 1983 ha iniziato la carriera televisiva con Portobello, per il quale Gabriella curava i collegamenti con l’estero.
    Ha presentato le più importanti manifestazioni canore italiane: Azzurro, Festivalbar, Cantagiro, Festival di Sanremo nel 1988 e nel 1990. Si è divisa tra Rai e Mediaset (già Fininvest) con Cocco, Giallo, Luna di Miele, Piccolo Grande Amore e Buona Domenica. Ha condotto importanti serate quali il David di Donatello e Donna Sotto le Stelle. Dal 1998 conduce su Rete 4 Mela Verde, con cui va alla scoperta delle più belle realtà agricole e gastronomiche d’Italia.
    Nel 1993 è entrata nel mondo della moda con una serie di linee di abbigliamento: il prêt à porter, gli abiti da sposa, gli accessori.

    (2) Nel 1994 rispondendo all’appello di Silvio Berlusconi si iscrive a Forza Italia, occupandosi di quello che è il suo ambito lavorativo: lo Spettacolo. Infatti nel 1996 diventa Responsabile del Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo per la regione Lazio, e nel 1999 fonda divenendone responsabile il Dipartimento Nazionale dello Spettacolo di Forza Italia.

    In sintesi: fai la valletta e sei pronta per il Ministero dello Spettacolo (che è anche quello dei Beni Culturali…).
    Proporrei di conferire a Fisichella (non Rino bensì Giancarlo) il Ministero dei Trasporti, a Salvatore Madonia quello della Giustizia e a qualcuno del CEPU quello dell’Univeristà.
    Le proposte possono essere integrate dai vostri consigli.

  5. 5 paolo febbraio 27, 2008 alle 3:33 pm

    Ho capito Chiara il senso del tuo messaggio: non tutti i grandi personaggi della televisione vincono un Telegatto, solo per fare un nome Paolini per esempio non ne ha mai vinto uno. In effetti sono stato troppo maligno…🙂

  6. 6 Anisotropie febbraio 27, 2008 alle 5:10 pm

    Beh, la delega allo sport non può che andare a Totti.
    (anche se ormai potrebbe fare il ministro delle telecomunicazioni; con tutti gli spot che ha girato… ormai sarà competente (forse sarebbe cmq meglio di un certo G ex ministro delle telecomunicazioni, che dopo una visita all’università di Padova si stupiva del fatto che “c’è un team che per comunicare usa *i fotoni* invece delle onde elettromagnetiche!”))

  7. 7 juhan febbraio 27, 2008 alle 5:53 pm

    @ Anisotropie
    no! la delega allo sport è di Moggi! su certi principi non si discute.
    @ fabristol
    se posso permettermi una corressione: “progetto intelligente”

  8. 8 Marco Ferrari febbraio 27, 2008 alle 7:20 pm

    E il bello è che non se accorgono nemmeno. Se lo chiedi a un qualsiasi politico (credo che qui destra o sinistra non abbia importanza) nessuno sa chi siano Sheldon Glashow, o Iliopoulos o Stephen Hawking. Sono pronto a scommettere.

  9. 9 raserr febbraio 27, 2008 alle 7:25 pm

    incredibile che uno come glashow si dia disturbo di rispondere a una come la carlucci… e per di più con la speranza che quella capisca una qualunque risposta. i miei complimenti alla pazienza ed alla diplomazia di glashow

  10. 10 fabristol febbraio 27, 2008 alle 7:30 pm

    “incredibile che uno come glashow si dia disturbo di rispondere a una come la carlucci…”

    Proprio questo da’ l’idea della gravita’ dell’atto della Carlucci.
    Non si gioca sulla vita degli altri (perche’ qeusto e’ stato fatto e la signora si dovrebbe vergognare prima di tutto per il danno alla persona e poi per le questioni scientifiche), soprattutto quando si usano argomenti risibili di cui non si sa assolutamente nulla.
    Io se fossi in Maiani e in Glashow denuncerei la Carlucci per diffamazione.

  11. 11 raserr febbraio 27, 2008 alle 7:56 pm

    “Io se fossi in Maiani e in Glashow denuncerei la Carlucci per diffamazione.”

    sarebeb uno scherzo per i suoi avvocati farle dare l’infermità mentale😉

  12. 12 Goedel febbraio 27, 2008 alle 8:29 pm

    Questo è l’email che ho inviato all’indirizzo: carlucci_g@camera.it

    Sig.ra Carlucci,
    ho appena letto degli sviluppi del caso Maiani, in particolar modo della sua
    lettera inviata al presidente del Consiglio Romano Prodi, della lettera di
    replica inviata dal premio Nobel Glashow ed infine della sua replica allo
    stesso Prof. Glashow.

    Mi lasci dire che sono realmente disgustato da quello che Lei ha avuto
    l’ardire di scrivere. L’immagine dell’Italia che ne viene fuori tra gli
    ambienti scientifici stranieri è disastrosa.

    E’ l’immagine di una parlamentare (quindi la massima rappresentante dei
    cittadini) che sfoggia con arroganza la propria totale ignoranza.
    In particolar modo è la sua frase “se Maiani e i suoi amici sono, come Lei
    dice, luminari stellari stimatissimi in tutto il mondo, perché non hanno mai
    vinto il premio Nobel?” che mi lascia davvero basito.

    Una frase del genere potrebbe stare in bocca a qualche vecchietto del bar
    dello sport mentre sorseggia il quinto barolo non certo ad un parlamentare!

    Davvero era necessario che il troppo paziente Glashow le spiegasse che i premi
    Nobel per la fisica vengono assegnati solo a 2-3 persone l’anno? Davvero era
    necessario replicare alla prima lettera nella quale il prof. Glashow smentiva
    nella maniera più categorica le sue farneticazioni? Davvero era necessario
    continuare a rendersi ridicola di fronte al mondo?

    Se Lei fosse stata una semplice showgirl nessuno, figurarsi io, avrebbe avuto
    alcun che da ridire. Avremmo riso di lei, certo, ma il tutto sarebbe finito
    li. Ma Lei, purtroppo, in quanto parlamentare, rappresenta l’Italia e gli
    italiani. Questo cambia di molto le cose e ogni sua figuraccia fatta in veste
    di parlamentare è una figuraccia che fa l’Italia intera.

    Lei chiedo quindi di astenersi dal fare dichiarazioni pubbliche senza prima
    aver consultato qualcuno che almeno sappia che non si dice “Fisica della
    particella” ma “Fisica delle particelle”.

    Non posso che chiudere riportando le illuminatissime parole del Prof.
    Glashow: “agli occhi di uno studente straniero se c’è qualcosa che può
    danneggiare l’immagine del Suo Paese sono la volgarità e l’inganno di questi
    calunniosi tentativi di denigrare uno dei più esimi scienziati della Sua
    nazione.”

  13. 13 j1nz0 febbraio 27, 2008 alle 10:57 pm

    Esilarante il commento di “franco” sul blog della Carlucci.


  1. 1 (Bad) fiction in science (seconda puntata) « Progetto Galileo Trackback su febbraio 28, 2008 alle 10:14 am
  2. 2 Alvaro De Rujula smentisce la Carlucci « Progetto Galileo Trackback su marzo 2, 2008 alle 11:45 pm
  3. 3 Vittorio Pasteris » Lo scienziato e la soubrette (scarsamente onorevole) Trackback su marzo 3, 2008 alle 5:42 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




In primo piano

Segnalaci le bufale

a

Archivi

Contatto e-mail

progettogalileo[at]gmail.com

Disclaimer

Questo è un blog multiautore senza scopi di lucro. Esso non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 Gli autori, inoltre, dichiarano di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli autori. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Blog Stats

  • 344,525 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: